Complice il momento storico che sta coinvolgendo l’economia negli ultimi anni e l’evoluzione tecnologica, i comportamenti d’acquisto del consumatore del 2017 sono decisamente cambiati rispetto a quelli del consumatore che si recava al punto vendita dieci anni fa. Secondo il documento “Programmazione o impulso? Come cambia il comportamento d’acquisto in tempo di crisi” di Maria Grazia Cardinali dell’Osservatorio Fedeltà dell’Università di Parma, ci troviamo davanti ad un consumatore professionista, informato e attento al portafoglio.

Basti pensare che ben il 67% degli intervistati (Fonte: IGD Shopper vista 2012, Nielsen 2012) afferma di pianificare i propri acquisti prima di recarsi al punto vendita. Questo vuol dire che attraverso volantini e strumenti online, il consumatore si informa sulle promozioni, confronta i prezzi delle varie insegne e cerca coupon o sconti applicabili grazie alla propria carta fedeltà. Quasi la metà del campione interessato afferma inoltre di recarsi al negozio con una lista della spesa ben definita, a volte divisa per settori, altre addirittura con il preventivo di spesa calcolato a lato dei prodotti.

Se la programmazione degli acquisti e la pianificazione della spesa settimanale è sicuramente una delle scelte più registrate negli ultimi anni, segue l’acquisto per brand e l’acquisto per prodotto di marche simili. Chi invece non è stato meticoloso nella fase di pianificazione, afferma di comprare prodotti in promozione anche se non segnati nella lista.

Quali sono i trend nei comportamenti d’acquisto?

I trends emersi dalla ricerca mostrano un consumatore che ricerca offerte anche di altre insegne diverse da quella di fiducia, che approfitta delle promozioni, che adotta un comportamento più razionale e pianificato e diminuisce gli acquisti d’impulso, che rimane 30 secondi in più di fronte allo scaffale per confrontare lo stesso prodotto, ma proposto da diverse marche, e che si reca al punto vendita con una lista dettagliata e difficilmente aggiunge prodotti che superino il budget stabilito.

Categorie: Marketing B2C

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *